Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

1 Para Rowing

Il Para-Rowing è il canottaggio destinato ad atleti portatori di una disabilità. Il termine “Para” sta a significare che l’equipaggiamento viene “adattato” per rendere possibile la pratica di questo sport, e non che lo sport viene “adattato” alle esigenze dei praticanti. È uno sport aperto ad atleti maschi e femmine ed attualmente è suddiviso in quattro classi di barche che già fanno parte del programma dei Campionati del mondo. Per un disabile la possibilità di cimentarsi in un’attività sportiva ha molti tratti di un ritorno alla vita; tuttavia per garantire i risultati occorrono risorse, strutture, persone in grado di fornire assistenza. Il progetto si propone di sostenere gli sforzi che la Società Canottieri Armida compie per favorire l’aggregazione delle persone disabili, lo sviluppo delle loro potenzialità e la riabilitazione psicofisica mediante attività sportiva agonistica.

2 Concorso Giovani Interpreti

Imparare a cantare o a suonare uno strumento presenta numerosi vantaggi: • esercita la memoria. • favorisce la socialità. • promuove l’autodisciplina. • genera autostima. • favorisce la creatività. • è uno dei modi più soddisfacenti ed entusiasmanti di passare il tuo tempo libero. Nell’ambito delle iniziative rotariane di servizio sul territorio, il Club ha deliberato di sostenere l’Associazione Giovani Musicisti che promuove la valorizzazione dei giovani talenti e la diffusione della conoscenza della musica.

3 Aperitivi in Concerto

L'idea è quella di creare un “service-evento” di visibilità esterna, incentrato su diversi fattori: • Investire sulla cultura del territorio, creando, mediante i concerti-aperitivo, una “abitudine” alla cultura musicale • Curare l’immagine del Rotary, come istituzione culturalmente e socialmente viva e propositiva • Coinvolgere un pubblico non rotariano, favorendo il suo contatto con l’associazione e la collaborazione alle iniziative di servizio • Coinvolgere enti ed istituzioni nell’azione rotariana proponendo la partnership in iniziative interessanti • Devolvere il ricavato della manifestazione, al netto delle spese, in favore dei progetti di servizio del Rotary International.

4 Rotary Day – Celebriamo il Rotary

Per celebrare i 100 anni della Rotary Foundation (23 febbraio 1817), il Rotary Club Torino Castello ha proposto ai rotariani del Distretto un incontro che si sviluppava in forma di spettacolo. Attraverso la lettura di aneddoti e la presentazione di documenti storici, in un alternarsi di voci, immagini, musica suonata dal vivo e coreografie, si sono proposti i momenti fondamentali della storia della fondazione in relazione alla situazione sociale. Per i soci è stata anche occasione di affiatamento con l’obiettivo di favorire la collaborazione nei progetti di servizio.

5 Microcredito

Il Club partecipa al Progetto Microcredito che, grazie alle donazioni dei Club del Distretto 2031, ha permesso di costituire un fondo di garanzia per sostenere l'apertura di nuove micro-imprese da parte di soggetti non bancabili. Al fondo di garanzia si aggiunge l'esperienza che i Rotariani volontari mettono a disposizione, quali liberi professionisti, consulenti ed imprenditori, a sostegno delle iniziative di persone “non bancabili” che non hanno la possibilità di concedere “garanzie formali” sull’eventuale prestito.

6 Gemellaggio RR.CC. Alzenau e Auxerre

Il gemellaggio con i Rotary Club di Alzenau (Germania) e di Auzerre (Francia) è il risultato di un lungo percorso compiuto insieme per superare divisioni e confini. Un’occasione per comprendere appieno i valori rotariani. Il progetto ha condotto a risultati reali: un’amicizia con l’obiettivo di raggiungere insieme gli obiettivi, in un’atmosfera di simpatia e allegria.

7 Defibrillatori (un progetto proposto da R.C. Torino Lagrange)

Gli episodi di morte cardiaca improvvisa colpiscono un individuo ogni 1000 abitanti /anno. La causa è una aritmia letale causata da infarto del miocardio. La possibilità di sopravvivere ad un arresto cardiocircolatorio dipende dalla rapidità con cui la vittima viene soccorsa, dal tempestivo uso del defibrillatore e dall’inizio delle manovre di rianimazione cardiopolmonare di base RCP. Il progetto verte nella fornitura di n° 2 defibrillatori DAE PHILIPS al Liceo Scientifico Europeo Cattaneo di Via Sostegno 41/10 a Torino ed alla erogazione della necessaria formazione ed addestramento all’utilizzo BLSD come da T.U. 81/08 in materia di salute e sicurezza degli ambienti di lavoro, del Decreto n.169 del 20/7/2013 “ Balduzzi” e del D.M.18/3/2011 non solo al personale scolastico ma anche a studenti predisposti e volenterosi.

8 Job Opportunities for You (su proposta del R.C. Torino Europea)

Il Progetto si propone di offrire una opportunità di avvicinamento e accompagnamento all’inserimento lavorativo a due giovani italiani in condizioni di disagio per promuovere un miglioramento delle condizioni di vita dei beneficiari coinvolti, attraverso azioni di orientamento e accompagnamento al lavoro, e al contempo contribuire a migliorare il benessere della collettività in generale. Il progetto J.O.Y. intende accompagnare i beneficiari durante la fase di preparazione e negli incontri con le aziende, prevedendo a verifiche periodiche sia con il tirocinante che con l’azienda.

9 Uno strumento per Giovani Interpreti

Imparare a suonare uno strumento musicale richiede grande impegno e l'opportunità di esibirsi in pubblico crea fiducia in se stessi e fornisce occasioni per costruire relazioni. Tuttavia, per introdurre un giovane all’uso di uno strumento musicale, è necessario affrontare delle spese e fare attenzione: uno strumento troppo grande o troppo piccolo è spesso causa di frustrazione e di abbandono. La strumento deve rivelarsi adatto a chi lo suona. Sulla base di tali osservazioni, il Rotary Club Torino Castello ha deciso di affiancare l’Associazione Giovani Musicisti (che ogni anno organizza in Piemonte il Concorso Regionale per Giovani Interpreti) con un progetto che si propone di mettere a disposizione dei giovani più meritevoli, in comodato d’uso a titolo gratuito, gli strumenti musicali.

10 Presenza Amica

Il Progetto si propone di sostenere con interventi tempestivi e concreti la “domiciliarità” degli anziani. Intendiamo con questo termine tutto il mondo degli affetti, delle relazioni, della vita quotidiana che costituisce e sostiene l'identità della persona. Domiciliarità è il clima che si respira nel proprio vivere quotidiano: “abitare” il proprio quartiere, “abitare” la propria casa, “abitare” le relazioni sociali significa conservare l'identità nella relazione. L'esperienza di questi anni ci ha fatto conoscere il dramma della “spogliazione” della domiciliarità che vive una persona anziana quando entra per necessità in una casa di riposo! Sostenere “la domiciliarità” nel senso su indicato significa proporsi i seguenti obiettivi specifici: - facilitare e sostenere la permanenza dell'anziano al proprio domicilio - rispondere al disagio della famiglia e dell’anziano - facilitare l’accesso alle cure e sostenere il periodo di convalescenza con l’accompagnamento

11 Progetto Associazione Cilla

L’Associazione Cilla ONLUS ha come scopo di accogliere i malati e loro famigliari che, provenendo da tutta Italia o dall’estero, si trasferiscono nella città di Torino, per periodi più o meno lunghi, a motivo di cure mediche. Dal 15 ottobre 2011, l’Associazione, che ha in gestione la Casa di Accoglienza sita in via Cottolengo, 22 a Torino, ha la necessità di realizzare una profonda ristrutturazione della palazzina di proprietà dell’Opera Barolo. Dopo più di cinque anni d'esercizio, la struttura presenta le seguenti necessità riqualificare l’immobile nell’ottica di una più efficiente fruizione da parte degli ospiti stessi (posa di zanzariere, un nuovo blocco cucina, cambio materassi, maggiori spazi frigoriferi, lavatrice professionale). Secondo prime stime, l’intervento prevede una spesa di circa Euro 10.000.

12 Restauro del Messale Rosselli

Il manoscritto si presenta esternamente con una legatura non originale in piena pelle piuttosto consunta e lacerata. I quadranti hanno acquisito negli anni una imbarcatura convessa che rende disomogeneo lo spessore del volume; a causa di questo il taglio laterale è maggiore nelle dimensioni che il dorso andando a compromettere l'apertura rendendola faticosa. Le carte in pergamena sono in buono stato di conservazione, leggere deformazioni sono presenti in concomitanza delle stazioni di cucitura ma non rilevanti da far preventivare una operazione di spianamento; depositi incoerenti di polveri sono presenti in prossimità dei margini. L'inchiostro ferrogallico non ha leso la struttura della pergamena e le parti miniate e dorate sono in ottime condizioni di conservazione. La situazione richiede un intervento di restauro, con la separazione dei fascicoli per la rimozione dello sporco, la ricomposizione, la necessità di ricreare una rilegatura ed una scatola di conservazione. Il costo totale dell’intervento ammonta a Euro 1.952.

13 Un’auto per i bambini in difficoltà

Diventare grandi è un diritto che tutti i bambini dovrebbero avere. "Purtroppo non sempre riusciamo a fornire a questi bambini le cure mediche specialistiche necessarie (dentista, nutrizionista, fisioterapia, ecc.) o a coltivare le varie aspirazioni (canto, musica, ecc.). L’Associazione Familiarmente di Torino, ente no profit fondata nel 1999, si occupa del benessere psicologico dei minori. Obiettivo primario è l’aiuto ed il sostegno verso l’adulto che è a contatto con il minore: genitore, nonno, affidatario, insegnante, educatore e operatore socio-sanitario. Sono queste le motivazioni alla base del progetto del Rotary Club Torino Castello di affiancare l’Associazione Familiarmente con l’obiettivo di collaborare all’acquisto di un veicolo a 7 posti, in sostituzione dell’attuale ormai usurato, utilizzato per il trasporto dei bambini in difficoltà familiare. II progetto prevede una spesa di Euro 15.000.

14 Restauro del codice “Vittoria di Luigi XII sui Veneziani”

Il codice membranaceo del 1506, depositato presso la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino si presenta esternamente con una legatura eseguita presumibilmente durante gli anni venti del XX secolo. Tuttavia erano state rubate tre pregiate pergamene per il loro grande valore e che sono state ritrovate dai Carabinieri in Belgio e restituite alla Biblioteca. Grazie all’intervento del nostro Club il volume è stato affidato a Laboratorio di Restauro del Libro dell’Abbazia S.S. Pietro e Andrea di Novalesa per lo smontaggio, la pulizia, il rifilo, la nuova rilegatura e la posa in una scatola di conservazione. Il costo totale dell’intervento ammonta a Euro 2.465.

15 Il cantiere di Studio Romanico

Il Santuario della Consolata oggi rappresenta un libro di storia dell’architettura piemontese. Oggi del Santuario si apprezza la parte più ricca, dorata, ovvero la parte barocca voluta così dal Guarino Guarini alla fine del 1600. Al di sotto di questa e al di sotto della fase barocca si conserva una parte altrettanto interessante, che ha visto molti interventi di ampliamento e decorativi nella fase tra il post-romanico e il pre-guariniano. È il cuore romanico della Consolata nel quale sono stati ritrovati sia elementi decorativi che affreschi, che parte dell’architettura, nascosti sotto murature e intonaci più recenti e tracce di un’antica chiesa. Il progetto si presenta inoltre come pilota di un fundraising al servizio della tutela del patrimonio artistico-culturale.

16 Il Rotary adotta un monumento

Nel 1583 l’Arciconfraternita della Trinità affidò la ricostruzione della chiesa della Santissima Trinità ad Ascanio Vitozzi da Orvieto che propose l’attuale struttura che richiama costantemente il motivo della Trinità, con la sua pianta centrale in forma circolare, che circoscrive un triangolo equilatero con tre ingressi, tre cantorie e tre altari, sormontata da una cupola è alta 47 metri. La struttura fu consacrata nel 1606 e vide successivamente gli interventi di Juvarra, di Tavigliano e Garove. Il risultato è un edificio di straordinario interesse artistico. Grazie all’iniziativa del Rotary, da settembre 2019, il secondo sabato di ogni mese, a partire dalle ore 16, i cittadini torinesi ed i turisti che percorrono via Garibaldi potranno essere accompagnati nella visita della Chiesa.

17 Progetto UGI2

Il tumore infantile richiede un grande impegno corale. I volontari UGI di Torino da oltre trent'anni affrontano la malattia accanto al bambino e ai suoi genitori, sostenendoli in tutti i modi: stando loro accanto durante i ricoveri in reparto, fornendo aiuti economici quando necessario, offrendo gratuitamente ospitalità a Casa UGI a chi proviene da fuori Torino e necessita di un alloggio nelle vicinanze dell'ospedale e contribuendo alla ricerca scientifica. Il nostro club, in collaborazione con altri club del Distretto Rotary 2031, ha deciso di aiutare l’associazione che, con il progetto UGI2, intende estendere la propria gamma di servizi, attraverso l’acquisizione di nuovi spazi necessari per ospitare attività, laboratori e iniziative per aiutare i pazienti off therapy e per le loro famiglie a riprendere il cammino della propria vita.

18 Casa Maria

Il progetto intende attrezzare un’aula informatica, presso l’orfanotrofio Baldo Children’Home di Ndaragwa in Kenya, per permettere agli allievi, anche esterni, che frequentano le Secondary School Pubbliche di integrare le lezioni con una formazione Informatica. In particolare, la partecipazione dei Rotary Club gemellati Alzenau, Auxerre e Torino Castello, si propone di collaborare all’acquisto di un pulmino per i collegamenti dell’orfanatrtrofio con le Secondary School di Ndagwa.

19 Istruzione Virale

Il progetto intende andare oltre all’emergenza CoVid-19, contri-buendo allo sforzo della pubblica amministrazione per fornire alla scuola nuovi strumenti e nuove competenze digitali da inserire in modo stabile nell’offerta formativa dei più giovani e favorirne la competitività nel sempre più complesso mercato globale.

Il sostegno si concretizza in due iniziative rivolte a scuole e strutture individuate in situazioni di particolare difficoltà.

  • Iniziativa per la: fornitura di devices e di strumenti di connes-sione infrastrutturale;
  • Iniziativa “Chiedilo al Rotary” - una “banca del tempo” che mette a disposizione tempo e competenze per assistere on line gli allievi.

20 Per chi non ha scuola

Il divario già esistente tra bambini che vivono in contesti sociali molto diversi tra di loro si è oggi acutizzato al punto che, in mancanza di un pronto intervento, per una parte di essi la condizione di “resa” è alle porte.

A questo fine il progetto si propone di muoversi su due linee di azione: fornire gli strumenti per un adeguato accesso alla didattica a distanza e realizzare attività di supporto educativo con il coinvolgimento di educatori professionali e volontari. In entrambi i tipi di intervento è prevista la presenza attiva dei soci rotariani dei club partecipanti al progetto e dei giovani dei Rotaract che hanno aderito all’iniziativa.

Il progetto si realizza nell’ambito delle iniziative del Sermig, che si rivolge in particolare ai bambini e ai ragazzi appartenenti a famiglie particolarmente disagiate.

21 Il mondo dello spettacolo

Il progetto interclub ha inteso produrre uno spettacolo all’aperto, con la partecipazione di molti artisti a rotazione. Lo spettacolo gratuito è stato offerto dai rotariani alla cittadinanza come occasione di lavoro per gli artisti in questo brutto periodo e, contestualmente, per dare visibilità al Rotary in quanto.

22 Il Grande Assente

IL Club ha risposto alla campagna di raccolta fondi per il restauro del dipinto “Amedeo VI presenta a Urbano V il patriarca di Costantinopoli” (1848) del Maestro Tommaso Gazzarrini.

L’opera, di indiscusso valore artistico, era situata nella Galleria della Sindone, a lato della Cappella guariniana, assieme ad altre tre grandi tele celebrative del Piemonte e di Casa Savoia. Questa serie di tele è rimasta gravemente danneggiata durante lo storico incendio della Cappella della Sindone del 1997, sia per la vicinanza del fuoco che per l'umidità indotta dall'acqua usata per lo spegnimento. danneggiato nelle azioni di spegnimento dell'incendio, riportando danni per un totale di circa 15.000 €.

23 Sostegno all’Ospedale Sant’Anna

Il progetto si è proposto di fornire un importante contributo all’ammodernamento tecnologico del Centro Universitario di Colposcopia e Patologia del Basso Tratto Genitale Femminile dell’Ospedale Sant’Anna di Torino (il più grande Ospedale ostetrico-ginecologico di Europa) per garantire il perfezionamento dei percorsi diagnostici-terapeutici delle pazienti e il mantenimento ai massimi livelli qualitativi.

I Club partecipanti hanno lanciato una raccolta fondi con l’obiettivo di acquistare un radiobisturi e una poltrona facilitante per disabilità e difficoltà motorie completa di accessori.

24 Mensa del Sacro Cuore di Gesù

L’attuale momento storico non porta con sé “solo” una gravissima emergenza sanitaria, bensì mette in La situazione di emergenza sanitaria mette in ginocchio persone che prima camminavano con le proprie gambe senza aver mai avuto bisogno di rivolgersi ad aiuti esterni. La Mensa del Sacro Cuore di Gesù, ben radicata nel territorio di San Salvario, coinvolgendo il quartiere in una vera e propria rete di solidarietà che supera le barriere socio-culturali, si propone di fornire cibo e beni essenziali per la sopravvivenza delle persone tutelando la privacy e la dignità di chi è sempre stato autonomo, mentre ora versa in situazioni di disagio..

Il Progetto si propone di contribuire all’acquisto di un furgone necessario per la consegna a domicilio di generi di prima necessità, medicinali, prodotti per l’igiene personale e per la pulizia della casa e altre tipologie di beni.

25 Insuperabili (su proposta del Rotary Club Torino Cavour)

L’attuale momento storico non porta con sé “solo” una gravissima emergenza sanitaria, bensì mette in La situazione di emergenza sanitaria mette in ginocchio persone che prima camminavano con le proprie gambe senza aver mai avuto bisogno di rivolgersi ad aiuti esterni. La Mensa del Sacro Cuore di Gesù, ben radicata nel territorio di San Salvario, coinvolgendo il quartiere in una vera e propria rete di solidarietà che supera le barriere socio-culturali, si propone di fornire cibo e beni essenziali per la sopravvivenza delle persone tutelando la privacy e la dignità di chi è sempre stato autonomo, mentre ora versa in situazioni di disagio..

Il Progetto si propone di contribuire all’acquisto di un furgone necessario per la consegna a domicilio di generi di prima necessità, medicinali, prodotti per l’igiene personale e per la pulizia della casa e altre tipologie di beni.

26 Attrezzatura per il Centro di Ascolto della Mensa del Sacro Cuore di Gesù

Il progetto si propone di implementare il preesistente centro d’ascolto attrezzandolo con due computer portatili e una stampante professionale, che non saranno a uso esclusivo degli operatori del Centro di Ascolto, ma verranno messi anche a disposizione degli utenti della mensa. La creazione di una sala informatica faciliterebbe l’ormai indispensabile prenotazione dei servizi online (sanitari, fiscali, ecc), la redazione di cv, la ricerca di posizioni lavorative aperte, la fruizione di corsi a distanza, così come la consultazione e la stampa di materiale didattico. Dato il numero elevato di studenti universitari seguiti dal Centro d’ascolto – circa una ventina – la sala informatica potrebbe diventare uno strumento a uso gratuito di utilità non indifferente.

27 Borsa di studio per Insuperabili (su proposta del Rotary Club Torino Cavour)

La filosofia di Insuperabili Onlus RESET ACADEMY è di garantire ai ragazzi il diritto allo Sport, al di là della disabilità, senza impattare su situazioni di vita di per sé già complesse.

Il progetto è quello di offrire agli Atleti la possibilità di ricevere una Borsa di studio per lo Sport che garantisca la copertura spese per la loro attività in campo. L’impatto economico di un Atleta sulla struttura di Insuperabili è pari a 1.500,00 € a Stagione sportiva, fino ad oggi Insuperabili Onlus è riuscita a coprire gran parte di questa cifra.

Gli Atleti pagano una cifra simbolica d’iscrizione di 100,00 € con la funzione educativa. A causa della pandemia, la Insuperabili Onlus non è più nelle condizioni di poter sostenere tali spese, al fine di non chiedere soldi agli Atleti o alle loro Famiglie (molte delle quali non sarebbero nelle condizioni comunque di pagare) hanno pensato di offrire un’alternativa: offrire agli Atleti la possibilità di ricevere una Borsa di studio per lo Sport che garantisca la copertura spese per la loro attività in campo.

.

Riunioni

Conviviale

2° lunedì del mese

Non conviviali

1°, 3° e 4° lunedì del mese

Quando

Ore 20.00

Dove

Circolo dell'Unione Industriale

via Vela, 15

10128 - Torino

Super User Programma 7047

2022 04 00 programma